> News

Accordo USA-UE per GDPR: un nuovo capitolo per la privacy transatlantica

Articolo di Daniele Gilio
Di cosa parla questo articolo?
Nell’articolo seguente esploreremo l’importante accordo raggiunto tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti riguardante il GDPR e il trasferimento dei dati personali, un argomento che ha attirato molta attenzione negli ultimi anni.

Questa notizia risale al 10 luglio 2023 e rappresenta un punto di svolta nel riempimento del vuoto normativo che aveva complicato la gestione dei dati, soprattutto per le grandi piattaforme come Facebook e Google. 

Discuteremo le implicazioni dell’accordo, le garanzie offerte ai cittadini europei e i potenziali risvolti per le aziende informatiche.

Esploreremo anche la questione della legalità del trasferimento dei dati attraverso servizi come Google Analytics, che ha generato incertezze prima dell’approvazione dell’accordo.

Accordo USA-UE per GDPR

Dopo tre anni di incertezze normative nel trasferimento dei dati personali tra l’Unione Europea (UE) e gli Stati Uniti, la Commissione Europea ha finalmente approvato un nuovo accordo che riempie il vuoto normativo e semplifica la gestione dei dati. 

La decisione di adeguatezza, che riconosce formalmente gli Stati Uniti come un paese con protezioni e garanzie sufficienti sul trattamento dei dati personali, segna un importante passo avanti nel ripristino della fiducia e nell’assicurare un livello adeguato di protezione dei dati per i cittadini europei.

Questa decisione, basata sul Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), consente il libero trasferimento dei dati personali dalle aziende dell’UE alle società statunitensi che partecipano al Data Privacy Framework (DPF) UE-USA. 

Il nuovo accordo e le garanzie offerte

L’accordo prevede importanti garanzie per i cittadini europei, tra cui la limitazione dell’accesso ai dati da parte dei servizi di intelligence statunitensi solo a quanto necessario e proporzionato, l’istituzione di un tribunale per il riesame della protezione dei dati e meccanismi di risoluzione delle controversie indipendenti e gratuiti.

Limitazione dell’accesso ai dati

L’accordo stabilisce che gli Stati Uniti dovranno limitare l’accesso ai dati personali dei cittadini europei da parte dei servizi di intelligence statunitensi solo a ciò che è strettamente necessario e proporzionato. 

Questo vincolo mira a bilanciare la sicurezza nazionale con il rispetto dei diritti alla privacy delle persone.

Istituzione di un tribunale per il riesame della protezione dei dati

Una delle importanti garanzie introdotte è l’istituzione del Tribunale per il riesame della protezione dei dati (Data Protection Review Court, DPRC). 

Questo tribunale indipendente e vincolante è responsabile di esaminare i ricorsi presentati contro le decisioni prese dal funzionario per la protezione delle libertà civili (Civil Liberties Protection Officer, CLPO). 

Il DPRC opera al di fuori dell’influenza o delle istruzioni del governo statunitense, garantendo un’istanza imparziale ed equa per i cittadini europei che desiderano appellarsi contro il trattamento dei loro dati personali.

Meccanismi di risoluzione delle controversie

L’accordo prevede anche l’implementazione di meccanismi di risoluzione delle controversie indipendenti e gratuiti

Ciò significa che i cittadini europei che ritengono che i loro dati personali siano stati trattati in modo improprio da società statunitensi possono presentare reclami e accedere a un processo di risoluzione delle controversie senza incorrere in costi aggiuntivi.

Queste garanzie sono state introdotte per proteggere i diritti dei cittadini europei e fornire un quadro normativo più solido per il trasferimento dei dati personali tra l’UE e gli Stati Uniti. 

Sono misure volte a garantire che i dati personali vengano trattati in modo adeguato e nel rispetto delle normative sulla privacy, offrendo ai cittadini europei maggiori diritti e strumenti per far valere le proprie preoccupazioni riguardo al trattamento dei loro dati personali.

Potenziali risvolti per le Aziende

I potenziali risvolti per le aziende informatiche derivanti dall’accordo sulla Privacy USA EU includono una maggiore facilità nella gestione dei dati personali dei loro utenti europei. 

Prima dell’approvazione di questo accordo, le grandi piattaforme come Facebook e Google avevano affrontato incertezze normative che rendevano complesso il trasferimento dei dati tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti. 

Con l’accordo, queste aziende possono ora riprendere a gestire i dati personali dei propri utenti europei, trasferendoli dall’UE agli Stati Uniti e viceversa, senza dover implementare ulteriori salvaguardie

Ciò semplifica le operazioni delle aziende informatiche e consente loro di continuare a offrire i propri servizi nell’Unione Europea in modo più agevole.

gdpr

Google Analytics: la legalità del trasferimento dei dati

Uno degli aspetti significativi dell’accordo riguarda la legalità del trasferimento dei dati attraverso servizi come Google Analytics

Prima dell’approvazione dell’accordo, il trasferimento dei dati dall’UE agli Stati Uniti era oggetto di incertezze legali a causa della mancanza di norme chiare

Tuttavia, con il nuovo accordo e la decisione di adeguatezza, le aziende che utilizzano Google Analytics e altri servizi simili possono riprendere a trasferire i dati personali dei propri utenti europei senza ulteriori autorizzazioni.

Garanzie a livello individuale

Mentre le grandi piattaforme beneficeranno della maggiore facilità nella gestione dei dati personali, rimangono alcune preoccupazioni riguardo alle garanzie per le singole persone

Il Parlamento Europeo ha espresso dubbi sull’accordo, ma la sua opinione non era vincolante. 

Infatti, Max Schrems, attivista per la privacy, ha annunciato la sua intenzione di ricorrere alla Corte di giustizia dell’Unione Europea per far annullare la decisione

Il che indica che la questione potrebbe ancora essere oggetto di discussione e ulteriori sviluppi

Nonostante ciò, l’accordo rappresenta un passo avanti verso un quadro normativo più chiaro e coerente per la protezione dei dati personali tra l’UE e gli Stati Uniti.

Conclusione

L’Accordo USA EU per GDPR rappresenta un importante progresso nel ripristino della fiducia e nella protezione della privacy transatlantica. 

Le garanzie offerte, come la limitazione dell’accesso ai dati da parte dei servizi di intelligence e i meccanismi di risoluzione delle controversie, sono state introdotte per bilanciare la sicurezza nazionale con i diritti dei cittadini europei

Sebbene siano rimaste alcune preoccupazioni riguardo alle garanzie per le persone a livello individuale e il Parlamento Europeo abbia espresso dubbi, l’accordo rappresenta un significativo avanzamento verso un quadro normativo più chiaro e coerente per la protezione dei dati personali tra l’UE e gli Stati Uniti. 

Nel complesso, l’accordo offre una maggiore certezza giuridica e una migliore protezione per i dati personali dei cittadini europei nel contesto dei trasferimenti transatlantici.

A presto, 
il team Redmango.

Leggi anche

grazie!

La tua richiesta è stata inviata!

Ti risponderemo nelle
prossime 24 ore.

#redmango

Accordo USA-UE per GDPR: un nuovo capitolo per la privacy transatlantica

Aggiungi qui il testo dell'intestazione